FREE GREEN SICILIA, ALLARME BENI CULTURALI CLASSICI: IL TEATRO GRECO DI SIRACUSA SFREGIATO PERDE PEZZI! MA LA REGIONE CONTINUA A NON VEDERE E ASCOLTARE!

‘Il teatro Greco di Siracusa Patrimonio dell’Umanità, cade a pezzi …’ È questo il titolo di una Articolo di stampa pubblicato su un quotidiano nazionale. ‘Molte delle pietre millenarie sono spezzate a metà e altre sono danneggiate da radici e arbusti, altre ancora da acquitrini mal bonificati. L’orchestra su cui viene montato il palco per gli spettacoli è degradata. La colpa, secondo i tecnici, è del “sovrautilizzo” ‘ iniziava così l’articolo denuncia che con tanto di enfasi cerca di fare conoscere lo stato di degrado in cui versa il più antico e il più bello teatro Greco dell’Occidente. Ogni anno calpestato in ogni dove e senza ritegno da ben mezzo milione di turisti a cui si aggiungono le decine di miglia di spettatori delle Rappresentazioni classiche seduti su ogni parte del teatro anche in quegli spazi friabili e in continua depauperazione come se ci trovassimo in uno stadio moderno in cemento armato.Valorizzazione e fruibilità dei beni culturali – afferma Alfio Lisi portavoce di Free Green Sicilia – Sos Beni Culturali siciliani  –  non è sfruttamento e sfregio magari al solo scopo di  fare cassa ma loro conservazione per i secoli futuri e in quanto ogni generazione ha l’obbligo morale di rispettare e salvaguardare tali beni  proprio  per garantirne l’ esistenza per altre migliaia di anni. Ma se si continuano a sfruttare tali Teatri Classici, Taormina compresa, così come vengono sfruttati all’inverosimile da  qualche decennio non ci sarà restauro che potrà riportarli in vita ovvero verranno trasfigurati immettendo materiale che nulla a che spartire con quello originale in qualcosa altro ovvero i uno stadio a cielo aperto.

Proprio per tale aspetto Free Green Sicilia- Sos Beni Culturali siciliani, afferma Alfio Lisi,  ha inviato un ennesimo  esposto appello a tutte le Istituzioni pubbliche, regionali e nazionali oltre che all’Unesco, che dovrebbero avere a cuore la salvaguardia e la conservazione dei monumenti siciliani anche rispetto alla normativa vigente che qualcuno di questi vorrebbe interpretare a modo proprio per permetterne l’incivile e indecoroso sfruttamento (solo nel 2014 l’Assessorato regionale ai Beni Culturali ha incassato 3 milioni e 256 mila euro dai ticket d’ingresso ed il 30% è andato al Comune)  somme che ancora una volta non sono state spese per  il restauro straordinario di tale monumento.

Il professor Lazzarini,  uno tra i maggiori esperti internazionali del restauro lapideo antico, durante un sopralluogo voluto dalla Soprintendenza di Siracusa avvenuto quest’anno ha potuto accertare il grave stato di degrado in cui versa il manufatto per eccellenza della Magna Grecia ma ancora oggi resta inascoltato!

Teatro greco di Siracusa

Alfio Lisi
Free Green Sicilia, 19 agosto 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...