COMUNITA’ PAPA GIOVANNI XXIII, IL TEATRO CHE VINCE L’EMARGINAZIONE

«Quando recitavo in carcere i bambini ridevano»
«Stavo scontando la mia pena nel carcere minorile dopo aver compiuto vari reati. Nessuno mi aveva mai detto che anche io avevo delle capacità positive. Ma durante lo spettacolo teatrale conclusivo del laboratorio, me lo ricordo bene, i bambini si erano messi a ridere sulle mie battute. Capii che anche io potevo valere qualcosa»: racconta Ernesto.
Il giovane, che oggi ha 26 anni, è stato accolto in alternativa al carcere in una casa famiglia di Catania della Comunità Papa Giovanni XXIII, prima di ritornare in società e di ricominciare a sognare un futuro. L’anno scorso ha potuto ricostituire la propria famiglia, ed ora ha un bel bambino. La sua storia verrà portata sabato 1 e domenica 2 aprile nel weekend di eventi che coniugheranno teatro, disabilità e marginalità, e che si terranno a Santa Venerina in provincia di Catania.

Laura Lubatti, mamma della casa famiglia, lo racconta in occasione della giornata mondiale del teatro del 27 marzo: «Mentre era accolto nella nostra casa Ernesto continuava a partecipare ai laboratori artistici e di recitazione, insieme ad alcuni ragazzi disabili; era stupito del fatto che all’inizio sembrava che loro avessero bisogno di lui, ma che alla fine chi aveva imparato qualcosa era stato lui stesso».
La performance teatrale Vite in viaggio aprirà sabato sera gli appuntamenti; protagonisti saranno ragazzi che, nonostante disabilità ed emarginazione, metteranno in gioco i propri limiti. Nella giornata di domenica la regista Emanuela Frisoni della compagnia Piccola Piazza d’Arti di Rimini, insieme con la docente Giulia Innocenti Malini dell’Università Cattolica di Milano, condurranno l’approfondimento sull’approccio alla marginalità attraverso il teatro. Illustreranno il metodo di lavoro della compagnia teatrale integrata.

L’evento si inserisce nella rassegna artistica DiversArtemente, che giunge così alla sua seconda edizione, organizzata in provincia di Catania dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. Con tre weekend Uno, nessuno…tutti insieme! approfondirà il valore dell’arte nella disabilità ed emarginazione.

PROGRAMMA del primo appuntamento
Sabato 1 aprile
presso teatro Eliseo, via V. Emanuele, 273, Santa Venerina (CT).
ore 20.30 “Vite in viaggio”

Domenica 2 aprile
presso cooperativa Ro’ la formichina, via don Benzi 2, Linera di Santa Venerina (CT)
ore 09.30 tavola rotonda
ore 13 pausa pranzo
ore 14.30 laboratori
ore 17 conclusione

Seguiranno il 6-7 maggio un weekend dedicato alla musica, e il 10-11 giugno un weekend dedicato alla danza.

La Comunità Papa Giovanni XXIII accoglie in Sicilia circa 60 persone, all’interno di 10 case famiglia; circa 50 degli accolti hanno una disabilità, anche grave, di tipo fisico o intellettivo.
Spiega Laura Lubatti: «Nelle nostre attività di recupero e riabilitazione l’arte assolve a due compiti fondamentali nel dare voce a chi non ce l’ha: propone nuove modalità di espressione; permette poi di parlare con il sorriso di temi sociali anche pesanti. A chi è recluso, che ha così tanto da raccontare, il teatro permette di esprimersi forse per la prima volta in modo costruttivo».

Per partecipare è richiesta l’iscrizione, chiamando ai numeri: 340.6552455, 348.4767073

U.S. Marco Tassinari
Santa Venerina, 27 marzo 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...